ALVEARE CHE DICE Sì!

Sviluppo di una filiera corta per ritrovare i sapori dei propri territori, combattere i cambiamenti climatici e ristabilire un legame tra consumatori e produttori.

Vicino alla Casa dell’Ambiente c’è l’Alveare di Borgo Po, aperto dal mese di settembre 2017, ci rende molto felici promuovere questo nuovo punto di distribuzione, di una realtà,L’Alveare che dice sì! che si sta espandendo e si impegna a promuovere uno stile di vita sano e rispettoso dell’ambiente, contribuendo a creare maggiore consapevolezza nei consumatori.

  • Che cosa è?

    L’Alveare che dice sì! nasce in italia da settembre 2014, con i primi alveari che si sviluppano nella città di Torino.Questo è un progetto che mira ad alimentare la cultura dell’imprenditoria sociale, promuovere acquisti solidali e sostenibili ed incentivare la filiera corta. La missione di questa rete che negli ultimi anni si sta espandendo in tutto il paese è quella di fornire alle famiglie la possibilità di avere un’alimentazione locale e di qualità e proteggere così l’agricoltura sostenibile.
  • Come agisce la comunità degli Alveari?

    Al giorno d’oggi i problemi legati alla nostra alimentazione sono evidenti ma anche molto complessi, che riguardano una molteplicità di ambiti interconnessi tra loro: salute, ambiente, impiego, territorio, cultura, legami sociali che rischiano di compromettere la qualità di vita.L’azione concreta che l’Alveare che dice sì! vuole attivare è quella di ridare potere ai produttori e ai consumatori promuovendo un’alimentazione sana e stagionale e una produzione di qualità che guarda alla salute dell’ambiente e delle persone.
  • Le loro missioni

    1. Sostenere l’agricoltura delle piccole realtà e l’artigianato locale
    2. Creare gli strumenti per dare ai cittadini i mezzi per produrre, distribuire e consumare in un modo più sano e giusto
    3. Ricreare dei legami sociali attorno al tema dell’alimentazione
    4. Rendere accessibile un’alimentazione locale di qualità al più gran numero di persone
    5. Sostenere la transizione ecologica ricollocando la produzione
    6. Favorire lo scambio di idee e del sapere attorno al mondo dell’agricoltura e dell’alimentazione
  • Come funziona?

    Il consumatore ordina online i prodotti che desidera acquistare, può farlo in qualunque momento, utilizzando la modalità che preferisce (sito internet o app).Ogni settimana l’Alveare si riunisce in un posto stabilito e i membri possono così ritirare i propri ordini e incontrare personalmente i produttori.Negli alveari i produttori e artigiani fissano liberamente i loro prezzi:percepiscono una remunerazione giusta che gli permette di sviluppare la loro attività.
Maggiori informazioni

alvearechedicesi.it

Sì! Il blog

Facebook LAlveareCheDiceSi

Lascia un commento